Il cacciamine VIESTE – M5553

La nave Vieste è la quarta e ultima unità cacciamine della classe Lerici della Marina Militare, fu varata nel 1985 nel cantiere di Intermarine di Sarzana e assegnata alla sede della Spezia, successivamente nel 1993 venne aggregata alla sede di Messina ove vi rimase fino al 1999, anno in cui viene nuovamente trasferita nella base della Spezia, ove è operativa ancora oggi. Fu intitolata alla città di Vieste come riconoscimento del sacrificio del cacciatorpediniere Turbine nella prima guerra mondiale, ed è la seconda unità della Marina Militare con questo nome, preceduta da un’unità posamine (al quale fu consegnata la bandiera di combattimento a Vieste il 15 Agosto del 1926) che fu catturato dai tedeschi a Napoli l’11 Settembre 1943 ed affondata in porto il 23 Settembre dello stesso anno, di seguito il nome della città di Vieste fu assegnato appunto al cacciamine M5553. 

immagine299
15 Agosto 1926 consegna della bandiera di combattimento al posamine Vieste

La Nave Vieste è un cacciamine Costiero, progettata per la localizzazione e la distruzione di mine navali, dotata di un sofisticato sistema sonar, tramite il quale è possibile rilevare e investigare ogni oggetto che giace sui fondali marini sino a una profondità di circa 600 metri, nel 2013 il cacciamine fu la prima unità ad essere equipaggiata con il sistema A.U.V. (Autonomous Underwater Veichle) che ne ha ulteriormente incrementato le capacità d’investigazione subacquea fino a 1000 metri. L’unità collabora anche con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e con la Magistratura nazionale con lo scopo di ricercare e investigare relitti di navi o aeromobili, reperti di interesse storico o qualunque altro oggetto giacente sui fondali, anche per scopi legati alla preservazione dell’ecosistema marino, sovente con finalità scientifiche.2

Il cacciamine ha preso parte a numerose operazioni tra le quali l’Operazione Golfo Persico (1987), l’Operazione Golfo Persico 2 (1991), l’Operazione “Decisive Enhancemente” (1995) l’attività di ricerca e bonifica ordigni in Mare Adriatico (2000). Nel 2001 ha costituito parte del sistema di sicurezza messo in atto per il G8 di Genova. Nel 2014 la Nave VIESTE ha preso parte al programma di collaborazione fra la Marina Militare e il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MIBACT), nell’ambito del Progetto Commemorazione della Prima Guerra Mondiale che l’ha vista impegnata nelle acque del Mare di Sardegna, con la localizzazione del relitto del Piroscafo Tripoli , che fu affondato nel 1918 per un siluramento di un sommergibile tedesco, le vittime furono circa 300 persone. Il cacciamine ha ormeggiato a Vieste solo una volta, il 27 Maggio del 1988, quando fu  consegnata alla nave la bandiera tricolore.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Consegna della bandiera tricolore al Cacciamine Vieste, porto di Vieste 27 Maggio 1988

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...